Il Vate, Gabriele D'Annunzio


“Io mi vanto maestro insuperabile nell’arte della frittata per riconoscimento celestiale”
Gabriele D’Annunzio

Nel bel tempo in terre d’Abruzzo e il Montenegroni 
FRITTATA SOFFICE ALLE CIPOLLE (C, G, O)

I messaggi a “Suor intingola” Albina Lucarelli Becevello
CAN-NEL-LONI, CAN-NEL-LONI, CAN-NEL-LONI (A, C, G, H, O)

“L’ovo”
UOVO, SPUMA DI PECORINO (C, G, O)

Correva l’anno 1897 “Il collegio di Ortona “ e il banchetto senza fine
MACCHERONI ALLA CHITARRA E STRACOTTO CON CODA DI BUE (A, C, G, L, O)

“La casseruola”
IL PESCATO, UNA PASSIONE SENZA FINE, “TRIGLIE ALLO SPIEDO” (A, D, G, O)

“Memento Audere Semper” ricordati di osare sempre
COSTOLETTE DI VITELLO, MELA E MANDORLE TOSTATE (C, G, H, O)

Analogo è lo stato d’animo che prova davanti al Parrozzo dell’amico Luigi D’Amico, tanto da ispirargli questo sonetto dialettale “O Ddie quanne m’attacche a lu parrozze, ogne mattine, pe’ lu canna rozze, passa la sise de l’Abbruzze mè”

IL PARROZZO, L’AURUM & LO ZABAIONE (A, C, G, H, O)

Il rito della moka secondo Caffè Illy!
MOKA PULCINA E SAIWA! (A, C, G, H, O)


120